• MARCHIO VESPA

Daniela Cola / 08 June 2017 / Marchio / 157

 

Vespa, il diritto d'autore tutela il design industriale: la Corte del Tribunale di Torino ha ritenuto il design della Vespa un'opera di design industriale tutelata dal diritto d'autore e dunque non imitabile.

Si chiude una incresciosa vicenda che ha avuto inizio nel 2013 e che ha visto come protagonista la celebre marchio Vespa la cui prima produzione risale addirittura al 1946.

Con una decisione del 06.04.2017, il Tribunale di Torino, nel respingere le richieste della società Taizhou Zhongneng, ha dichiarato pienamente valido il marchio tridimensionale dello scooter di Pontedera, riconoscendone sia il carattere creativo che il valore artistico. Si chiude così una incresciosa vicenda che ha avuto inizio nel 2013 e che ha visto come protagonista la celebre Vespa la cui prima produzione risale addirittura al 1946.

La Guardia di Finanza sequestrò 11 scooter della Taizhou Zhongneng , durante il salone milanese Eicma, a seguito della rilevata violazione dei diritti di esclusiva del Gruppo Piaggio che non mancò di avviare un procedimento d’urgenza.

In effetti, nel 2013, la Guardia di Finanza Compagnia di Rho – Nucleo Mobile eseguì una operazione di sequestro, nel salone milanese delle due ruote Eicma, a seguito della rilevata violazione dei diritti di esclusiva del Gruppo Piaggio che non mancò di avviare un procedimento d’urgenza. Le Fiamme Gialle, rilevando una ipotesi di contraffazione del marchio tridimensionale dello scooter registrato dall'azienda di Pontedera a protezione della forma distintiva, operò il sequestro di 11 scooter esibiti da ben sette espositori tra cui la società cinese Taizhou Zhongneng intenzionata a commercializzare in Italia la sua Ves. 

Fu la società cinese Taizhou Zhongneng a citare in giudizio la Piaggio chiedendo l’annullamento del marchio tridimensionale dello scooter. 

Fu proprio la suindicata società, dal suo canto, convinta che i prodotti sequestrati non costituivano alcuna imitazione, a citare in giudizio la Piaggio chiedendo l’annullamento del marchio costituito dalla forma tridimensionale dello scooter e l’esclusione del ravvisato reato di contraffazione. Con la sentenza del 06.04.2017 la Corte del Tribunale di Torino ha ritenuto che il design della Vespa è un'opera di design industriale tutelato dal diritto d'autore, dunque non imitabile.  La conclusione, però, è stata alquanto amara per i cinesi. Con la sentenza, definita “storica” dallo stesso Gruppo Piaggio, il Tribunale di Torino ha ritenuto il design della Vespa un'opera di design industriale tutelato dal diritto d'autore. Non imitabile.